I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy. 
Condividi su:

Must be seen » Natura

Ravenna: la Pineta di Classe in Oscar Wilde

Oscar Wilde visitò Ravenna nel 1877 all'età di 23 anni, entrando nella Pineta di Classe a cavallo. Tornato in patria scrisse una poesia con la quale un anno dopo vinse l'Oxford Newdigate Prize. Chi tra voi ne conosce i versi? La pineta di Classe (RA) è visitabile con ingresso da Fosso Ghiaia (RA) seguendo le indicazione per Parco I Maggio
 
\r\nOscar Wilde (Dublino, 16 ottobre 1854 – Parigi, 30 novembre 1900) fu un celebre poeta, aforista, scrittore, drammaturgo, giornalista e saggista irlandese. Visitò Ravenna nel 1877 all'età di 23 anni, entrando nella Pineta di Classe a cavallo. Un anno dopo scrisse una poesia dove riportò le sue sensazioni relativamente a questa visita, grazie alla quale vinse l'Oxford Newdigate Prize.\r\n

\r\n
\r\n
\r\n
\r\n
"Le vette dei pini dondolavano alla brezza della sera
\r\n
Col roco mormorio dei mari invernali,
\r\n
E gli alti fusti erano striati di lucente ambra; -
\r\n
Vagai per il bosco in folle piacere,
\r\n
Qualche uccello spaventato, con svolazzanti e agili ali,
\r\n
Fece beve di tutti i fiori; ai miei piedi,
\r\n
Come corone argentee, giacquero i pallidi narcisi,
\r\n
E uccelletti cantarono su ogni frasca attorcigliata.
\r\n
O alberi ondeggianti, o libertà della foresta!
\r\n
Nelle vostre dimore almeno l'uomo è affrancato,
\r\n
E quasi dimentica lo stanco mondo della lotta:
\r\n
Il sangue scorre più caldo, e un senso di vita
\r\n
Si ridesta nelle vene ravvivate, mentre ancora una volta
\r\n
I boschi si riempiono di dei che credevamo trucidati.
\r\n
A lungo guardai, e certo sperai di vedere
\r\n
Qualche Pan dal pié caprino fare lieti canti e musiche
\r\n
Fra i giunchi! qualche spaventata vergine driade
\r\n
In fanciullesca fuga! o in agguato nella radura,
\r\n
I morbidi arti scuri, la licenziosa faccia traditrice
\r\n
Di un dio boschivo! Diana Regina alla caccia,
\r\n

\r\n
\r\n
\r\n
Dalle bianche membra e terribile, con espressione fiera.
\r\n
E muta di cani da cinghiale che le balzano al fianco!
\r\n
\r\n
\r\n

\r\n
\r\n
\r\n
\r\n
O Ila rispecchiato nella perfetta corrente."
\r\n
\r\n
\r\n

\r\n(traduzione di Masolino D'Amico)
\r\n
\r\n
\r\n
Condividi su: